dal 7 novembre al 4 dicembre 2018

step by step 2018

una proposta di progetto giovani padova

dal 7 novembre al 4 dicembre, torna anche quest’anno il consueto appuntamento con step by step, l’iniziativa dedicata all’arte contemporanea realizzata da progetto giovani del comune di padova in collaborazione con il dipartimento dei beni culturali dell’università di padova, giunta ormai alla quattordicesima edizione.

 

trama – “centro universitario come luogo di interazione”

l’ufficio progetto giovani del comune di padova, in collaborazione con il dipartimento dei beni culturali dell’università di padova, presenta la fase finale di formazione e promozione step by step, un ciclo di quattro mostre che vedono protagonisti giovani artisti e curatori emergenti.

per il terzo appuntamento il tema della mostra è particolarmente suggestivo e stimolante, ciò che sarà presentato al suo interno si basa su un concept comune di cinque artisti che con la loro arte intendono mostrare e dimostrare come il centro universitario nel corso degli anni sia sempre stato un luogo di interazione da molteplici punti di vista: artistico, storico, decorativo, sociale e culturale. uno spazio diversificato, attraversato da studenti, insegnanti, visitatori, e differenti personalità. in ogni angolo del palazzo gli artisti mostrano quanti sono gli intrecci che si possono instaurare all’interno di esso, tra passato e presente.

in questo viaggio all’insegna dell’arte, francesca dall’antonia dal punto di vista storico e decorativo riprende i motivi interni al palazzo per instaurare una relazione con le fondamenta stesse del palazzo e la sua ubicazione. maddalena granziera si concentra, invece, sulle relazioni che percorrono gli scorci rubati all’ambiente padovano che circonda il centro universitario. queste immagini sono poi accostate a comporre un’opera unitaria, creando così, attraverso questo processo, una metafora del luogo che la ospita.

laura poli approfondisce il tema mostrandoci uno dei mezzi con cui avvengono queste interazioni: la scrittura, nata per rispondere alle comuni necessità delle diverse popolazioni come il bisogno di fissare nel tempo il significato delle parole e di diffonderlo a molte persone, viene esplorata proponendo una visione tattile di alcune tecniche di stampa e supporti.

riccardo pantanali da un punto di vista introspettivo cerca di trasmettere quali potessero essere le sensazioni che per tanti anni hanno abitato il palazzo, lasciandoci percepire, attraverso l’immagine, le relazioni e passaggi di proprietà avvenuti tra un proprietario e l’altro.

se riccardo ci catapulta nel passato, lorenzo castiglioni si concentra invece sul coinvolgimento delle persone che vivono a loro modo il palazzo nel presente. lavora sugli spazi, sulla materialità delle opere e sulle presenze reali con le quali queste entrano in relazione. dimostra come questo luogo sia continuamente attivo e cerca di stimolare un’attivazione fisica e mentale del visitatore.

che siate visitatori abituali o meno, resta il fatto che anche voi, in un modo o nell’altro, contribuite a lasciare un ulteriore impronta in questo edificio che vive e respira grazie alle azioni e alle relazioni della eterogenea umanità che lo attraversa.

i curatori: alexa rado, beatrice timillero, mariateresa ferrara, gabriele zanetti, amandha acosta.

 

inaugurazioni :

7 novembre, ore 18.00

21 novembre, ore 18.00

dal 7 novembre al 20 novembre

  • francesca bizzotto a cura di laura faccioli
  • cristina porro a cura di gloria franchin
  • linda simionato a cura di silvia mellone
  • nicolas toselli a cura di beatrice maistrello

dal 21 novembre al 4 dicembre

  • lorenzo castiglioni a cura di maria teresa ferrara
  • francesca dall’antonia a cura di beatrice timillero
  • maddalena granziera a cura di gabriele zanetti
  • riccardo pantanali a cura di alexa rado
  • laura poli a cura di amandha acosta

per maggiori informazioni clicca qui